Bando WIFI4EU: diamo un servizio all’altezza di una città turistica

 

Nel nostro programma amministrativo del 2016, ci eravamo proposti di gettare le basi per una Smart City, a partire dal coinvolgimento del cittadino, mettendo a sistema i servizi e le ricchezze del nostro territorio. 

Il progetto ottenne anche il totale appoggio dell’allora candidato Sindaco Menna.

Nei fatti però fino ad oggi, con la sua maggioranza, non ha mai prodotto un atto rivolto a questa finalità.

Crediamo fortemente che l’attuale Amministrazione della nostra città debba perseguire, per quanto possibile, questo obiettivo fornendo almeno un buon servizio internet libero e gratuito ai cittadini vastesi e ai turisti nei luoghi di maggiore interesse.

E’ notizia di questi giorni che la Commissione Europea ha pubblicato un avviso nel quale gli enti locali possono registrarsi per ottenere un finanziamento con buoni di valore pari a 15.000 euro per installare punti di accesso Wi-Fi in aree pubbliche come piazze, musei, biblioteche e parchi pubblici.

I Comuni interessati possono registrarsi nel portale www.WIFI4EU.eu, e presentare la propria candidatura entro il 15 maggio 2018.  I buoni saranno distribuiti secondo il principio “primo arrivato, primo servito” per cui sarà fondamentale la tempestività di invio del progetto.

I buoni WiFi4EU certamente copriranno i soli costi delle attrezzature e delle installazioni degli hotspot Wi-Fi e i comuni dovrebbero sostenere i costi della connettività, del funzionamento e della manutenzione.

Proprio da questi ultimi costi vivi, parte la nostra considerazione che speriamo possa tramutarsi in stimolo per questa Amministrazione.

Ci risulta infatti che ad oggi esisterebbe un’estensione in fibra ottica, di collegamento dall’infrastruttura del palazzo di Governo, tra gli ex palazzi scolastici di Corso Nuova Italia e la biblioteca Mattioli. Questa linea quindi attraverserebbe l’intera Piazza Rossetti sino a Piazza L.V.Pudente e cosa più importante, vedrebbe già coperti i costi di linea, operatività e manutenzione.

Dunque con i soli buoni per l’acquisto di hotspot, potremmo accendere un servizio pubblico che coprirebbe l’intero centro storico di Vasto e che pertanto restituisca ai cartelli WI-FI FREE sparsi in città la loro ragion d’essere.

Certi che la notizia del buono europeo sarà già nota all’Amministrazione, il M5S è sempre disponibile a collaborare ed è per questa ragione che siamo qui a sollecitare l’intercettazione di questi fondi europei (a proposito di Europa e bandi utili per Vasto) che consentirebbero di fare un piccolo passo avanti, dal centro della vita pubblica rappresentato proprio dal nostro centro storico, verso la qualificazione di Vasto come “città europea”.

Posted in M5S Vasto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *