Al Comune di Vasto “Manco li cani”…

La campagna elettorale in corso per le elezioni regionali del prossimo 10 febbraio ha aggravato ulteriormente le carenze croniche della Giunta Menna, sempre più inconcludente e lenta in un’azione amministrativa che ormai è limitata agli obblighi di legge, più che all’attuazione di progetti per il miglioramento dei servizi e della Città.

Alcuni assessori e consiglieri sono candidati, o impegnati a litigare per qualche mancata candidatura, mentre il Sindaco, nel disperato tentativo di assegnare qualche merito alla passata amministrazione D’Alfonso, annuncia improbabili finanziamenti regionali per il raddoppio degli scarichi delle acque bianche di Vasto Marina, nella speranza di darla a bere ai cittadini. “Cittadini, avete sete? Raddoppieremo gli scarichi a mare!”.

Sintomatiche di tale grottesca situazione sono alcune recenti proroghe di contratti in scadenza al 31/12/2018 e relativi ai servizi cimiteriali, alla pulizia del cimitero, alla gestione della villa comunale ed alla gestione del canile comunale.

Non si comprende come e perché, a fronte di scadenze ben note da anni, il Comune non riesca ad indire le nuove gare prima delle scadenze contrattuali, anche nei casi, come in questione, di capitolati semplici e ripetitivi, che non richiedono specifici ed onerosi approfondimenti tecnici.

Degno di particolare attenzione è il canile, il cui contratto, di durata triennale, è stato prorogato di ben 4 mesi, senza alcuna apparente giustificazione.

Il canile meriterebbe una maggiore attenzione, visto il degrado ambientale della zona ed i limiti di capienza dell’impianto, ma quest’Amministrazione non riesce a concretizzare nemmeno i progetti più semplici.

Sono passati più di due anni dalla Delibera di Giunta che dava indirizzo per la ricerca di un’area in cui trasferire il canile, mettendo a disposizione un fondo iniziale di 100.000 euro.

L’Assessore Forte ha di recente fornito ampie assicurazioni in merito alla soluzione del problema; ci auguriamo che ora non venga distratto dalla campagna elettorale e che le sue assicurazioni siano in questo caso più fondate rispetto a quelle date in Consiglio Comunale per il pontile, i cui lavori, di cui non si vede traccia, avrebbero dovuto iniziare a settembre 2018 (secondo l’Assessore Marcello ad ottobre 2016).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest