LA NUOVA DIFFERENZIATA DELLA PULCHRA PRIVATIZZATA: UNA BEFFA PER CHI VIVE IN CONDOMINIO

In questi giorni gli addetti della Pulchra stanno informando i vastesi sulle novità apportate dalla nuova raccolta differenziata, che scatterà a maggio, e stanno consegnando i cestini sui quali sono apposti codici a barre con lo scopo di collegare i rifiuti a chi li ha prodotti: detti codici, infatti, verranno scansionati da lettori ottici in dotazione agli operatori Pulchra al solo fine di individuare ed eventualmente sanzionare chi non differenzia correttamente, realizzare report sui tipi e quantitativi di rifiuti conferiti, ecc..

Accadrà, dunque, che i proprietari di abitazioni singole e di villette monofamiliari continueranno a lasciare sotto casa i cestini piccoli, da ora in poi associati alla singola utenza determinata dal codice, e i proprietari di appartamenti in condominio continueranno a servirsi dei secchi grandi per la raccolta comune allo stabile. In quest’ultimo caso, però, la Pulchra non potrà individuare e sanzionare la singola famiglia che sbaglierà a differenziare e, paradossalmente, l’errore del singolo ricadrà anche sui condomini che invece differenziano correttamente; infatti, la sanzione per l’errato conferimento dei rifiuti sarà comminata all’intero condominio.

Insomma, controlli più serrati e sanzioni per i cittadini “distratti” ma nessun vantaggio per i cittadini “virtuosi”, specie se abitano in un condominio.

Questo sistema è ben lontano da quanto auspicato dal Movimento 5 Stelle Vasto che da tempo chiede l’introduzione della “tariffa puntuale”, cioè il sistema ampiamente adottato da tantissimi comuni italiani, che commisura la tassa pagata dai cittadini alla effettiva quantità di rifiuti indifferenziati prodotti.

Purtroppo i cittadini vastesi che hanno contribuito negli anni ad aumentare la percentuale di raccolta differenziata, sopportando, a partire dal 2010, costi di raccolta sempre più elevati, si ritroveranno a fare i conti con misure solo sanzionatorie e non anche incentivanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest