Contenzioso del Comune con la Pulchra: inaccettabile la proposta di transazione

La relazione dei Revisori dei conti sulla proposta di approvazione del bilancio consuntivo 2018, che sarà discussa nel Consiglio comunale del 26 giugno, sottolinea numerose problematiche, tra cui “potenziali debiti fuori bilancio da riconoscere” per un importo complessivo di 2.256.393 di euro.

1.000.000 di euro circa è la cifra del debito che il Comune ha accumulato nei confronti della Pulchra a seguito del decreto ingiuntivo 30/16 del Tribunale di Vasto.

I Revisori dei conti nella loro relazione spiegano che, in riferimento a questo contenzioso, è stata predisposta dal Comune un’ipotesi di transazione che vedrebbe riconosciuta a Pulchra la cifra di 870.000 euro da pagare in 4 rate annuali, a partire dal 2020.

Chiediamo all’Amministrazione Menna di rigettare questa ipotesi di transazione in quanto chiaramente lesiva degli interessi pubblici.

E’ infatti ben noto al Sindaco Menna che, ormai da un anno, il Consiglio comunale ha deliberato all’unanimità, su proposta del M5S, la verifica contabile della regolarità degli aumenti tariffari automatici praticati da Pulchra nel periodo 2010-2018. Nonostante questo il Sindaco Menna si è guardato bene dal riferire in Consiglio comunale l’esito delle verifiche, che anzi risulterebbero non essere state fatte.

Inoltre, a quanto detto si devono sommare altre verifiche sulla corretta gestione del contratto, con particolare riferimento ai flussi ponderali e finanziari derivanti dalla vendita dei materiali differenziati, che Pulchra ha riconosciuto al Comune soltanto per il 50% nel periodo 2010-2018. Questa ed altre ipotesi di irregolarità amministrative sono state discusse in Commissione Vigilanza e saranno oggetto di una mozione presentata dai consiglieri del M5S il prossimo Consiglio comunale del 12 giugno.

In conclusione, se Pulchra ha rivendicato un milione per questioni contrattuali risalenti al periodo 2006-2016, non vediamo per quale motivo il Comune non debba presentare al tavolo della transazione richieste di risarcimento, da noi calcolate in due milioni di euro, derivanti dalle verifiche contrattuali relative al periodo 2010-2018.

La Pulchra cura ostinatamente gli interessi privati della Proprietà. D’altro canto noi ci chiediamo chi, in quest’Amministrazione, abbia curato e curi con altrettanta ostinazione l’interesse dei Cittadini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un commento su “Contenzioso del Comune con la Pulchra: inaccettabile la proposta di transazione”

Pin It on Pinterest