Mancati ricavi dalla vendita dei rifiuti differenziati. Il M5S porta la questione in Commissione di vigilanza

Abbiamo denunciato, in un nostro recente comunicato (consultabile cliccando qui), l’assenza presso il Comune di riferimenti contrattuali e contabili idonei a conoscere le destinazioni ed i fatturati di migliaia di tonnellate di carta, cartone, vetro, plastica, alluminio ed acciaio prodotte dalla raccolta differenziata nel periodo 2010-2017. Il Sindaco Menna, impegnato evidentemente in commemorazioni, apposizioni di […]

Per l’amministrazione il turismo si fa due mesi l’anno

Il comune di Vasto ha da poco presentato il cartellone dei principali eventi turistici della bella stagione. Se in passato si era almeno tentato di offrire ai turisti un calendario degli eventi più ampio (per esempio la “notte bianca” organizzata nel mese di giugno lo scorso anno), quest’anno non vi sono eventi di rilievo turistico […]

Pulchra: dopo le uova d’oro SAPI vuole anche la gallina

Il Consiglio Comunale dello scorso 2 maggio ha deliberato, con i soli voti della maggioranza, l’indizione di una gara ad evidenza pubblica avente per oggetto la dismissione della quota di maggioranza, detenuta dal Comune di Vasto nella società Pulchra Ambiente S.p.a., e la rideterminazione del canone relativo al servizio di raccolta, trasporto e smaltimento dei […]

Il M5S è alla ricerca dei rifiuti differenziati perduti

I cittadini di Vasto concorrono alla raccolta differenziata sia attraverso il contributo economico richiesto dalla TARI, sia adoperandosi direttamente per selezionare i diversi materiali ritirati poi dalla Pulchra. A fronte di questi rilevanti contributi, i cittadini vorrebbero sapere quali siano i ritorni economici derivanti dalla vendita dei diversi materiali, quali le quantità, quali i prezzi […]

Residence Rossetti: il Comune se ne infischia!

Sono ormai passati 5 mesi dalla nostra interrogazione che denunciava lo stato di degrado e di insicurezza del Residence Rossetti, tristemente divenuto luogo di spaccio e di occasionale dormitorio per i meno fortunati. Nel corso della seduta consiliare oggetto della questione, avevamo chiesto all’amministrazione di sapere cosa intendesse fare per ripristinare degne condizioni di sicurezza […]

“Giù le mani dal nostro mare”: il tour del M5S fa tappa a Vasto! Domenica 21 agosto, ore 10:00, Pontile – Sirenetta

Farà tappa anche a Vasto il tour nazionale del Movimento 5 Stelle “Giù le mani dal nostro mare 2016”. L’appuntamento si aprirà domenica 21 agosto alle ore 10:00 a Vasto Marina, sulla spiaggia in zona Pontile, con un flash mob; seguirà un corteo in battigia, una vera e propria catena umana fino al Monumento alla […]

Sindaco, prenda posizione

Non ci soddisfano le dichiarazioni di circostanza del Sindaco, che in nome della più che sbandierata trasparenza amministrativa e del rinnovamento della campagna elettorale, ha il dovere e l’obbligo di prendere una posizione riguardo ai metodi ed alle procedure che hanno caratterizzato l’azione amministrativa della Giunta Lapenna. Il Sindaco deve assumere una posizione politica che […]

VASTO, HAI UN PROBLEMA: IL COORDINATORE DELLO STAFF DEL SINDACO E’ INCOMPATIBILE

  Il gruppo consiliare M5S ha protocollato, in data odierna, l’Interrogazione a risposta scritta con la quale si richiede al Sindaco Menna una risposta circa la situazione di incompatibilità in cui ricade il Sig. Angelo Pollutri, nominato, “quale soggetto facente parte dell’Ufficio di Staff del Sindaco e della Giunta, con funzioni di coordinamento dello stesso” con Decreto Sindacale […]

Il solito “vecchio rinnovamento”.

  Con Deliberazione di Giunta n. 237 del 6 luglio u.s., avente ad oggetto “Ufficio Staff”, il Sindaco Menna decide di ripercorrere la strada del suo predecessore, aggravandone le criticità. Il nuovo Staff, infatti, si compone di ben 4 elementi (uno dei quali con funzione di coordinatore dell’Ufficio), neanche si trattasse dello Staff del Presidente […]

Le Bugie del PD e l’isteria politica del centrodestra.

 

Cronaca di una giornata nel primo Consiglio Comunale dell’era Menna-Lapenna.

Che il Centrodestra non ne azzecchi più una da tempo, è cosa nota; che quello locale sia in perfetta linea con quello nazionale, con una ancora più spiccata tendenza all’autodistruzione, crediamo sia ormai palese a tutti.

Per settimane il PD locale, cercando di capire se mantenere fede o meno a quella che era stata la promessa preelettorale di offrire la Presidenza del Consiglio a Ludovica Cieri, mirata a raccogliere i consensi che nella prima elezione erano andati al M5S, stava provando, in modi non consoni e preventivamente, a ricevere una risposta riguardo all’accettazione o meno da parte dell’interessata. Risposta che avrebbe permesso alla maggioranza di fare i propri conti sul se offrire o meno la Presidenza alla Cieri. Risposta che naturalmente, da parte nostra, non c’è stata.

Volevamo portare la maggioranza alla votazione di quella carica per dimostrare alla cittadinanza che la finta apertura palesata in campagna elettorale era proprio questo, cioè finta. Non avrebbero mai votato Ludovica Cieri, a meno che non avessero avuto certezza del suo rifiuto. La carica della Presidenza gli era necessaria come il pane per accontentare qualcuno dei “grandi vecchi” rimasti fuori alla distribuzione degli incarichi, nonostante i risultati elettorali.

Non avendo contezza preventiva di un diniego della Cieri in tal senso, il PD non se l’è sentita di “rischiare” la Presidenza offrendola al M5S. E di lì, proprio per cercare di rabbonire il M5S, che invece immaginava perfettamente cosa sarebbe accaduto, il Sindaco Menna si è subito dato un gran da fare per sciorinare una serie di bugie al fine di calmare l’ira, che loro ritenevano si potesse scatenare di lì a poco, ad opera del MoVimento, una volta appresa la notizia della mancata candidatura della Cieri alla Presidenza.

A precedere ed a seguire la votazione, il Sindaco Menna ha messo in piedi una assoluta farsa tanto più comica perché le cose affermate risultavano clamorose in quanto assolutamente non supportate da nulla.

Il Sindaco, nell’ordine è riuscito a formulare le seguenti panzane:

  • Promettere la Presidenza della Commissione Vigilanza al M5S. Incarico fuori dalle competenze della maggioranza e del Sindaco stesso, perché per statuto la stessa è votata esclusivamente dalla minoranza;
  • Inventare letteralmente una delega alla Smart City imbastita al momento, da affidare al M5S ma della quale mai nessuno aveva parlato ed alla quale il MoVimento è assolutamente disinteressato, in quanto riteniamo che incarichi e deleghe appartengano alla maggioranza. Il MoVimento 5 Stelle è all’opposizione per questa legislatura lì intende rimanere;
  • Parlare delle grandi opere che questa Amministrazione metterà in piedi, su ognuna delle quali la competenza del Comune è nulla o quasi, ovvero nell’ordine :
  • il nuovo Ospedale
  • la variante della Statale 16
  • l’ampliamento del porto

 

Rimarranno nella storia della città gli sguardi tra il nuovo ed il vecchio Sindaco dopo la mozione d’ordine del Consigliere Desiati e gli interminabili trenta secondi di silenzio che ad essa sono succeduti senza che Menna prendesse la parola.

L’apoteosi c’è stata quando, stanco del silenzio tombale di Menna, Luciano Lapenna, il “vero” sindaco di Vasto, si è alzato per fornire la risposta che Desiati aveva richiesto e che tutti si aspettavano, come era giusto che fosse, dal Sindaco in carica. Così, a coloro cui fosse ancora sfuggito, sarà finalmente chiaro chi è che ancora comanda al Comune di Vasto, a dispetto di ogni elezione e millantato rinnovamento generazionale.