Cambiando l'ordine degli addendi…

Ed eccoci ad un altro rimpasto, il Sindaco Lapenna, vittima del “fuoco amico”, come lui stesso dichiara nell’intervista rilasciata ieri a Zonalocale deve ricorrere ancora una volta a questa pratica per risolvere i guai che lo perseguitano. Più di un governo questo comune sembra avere una panetteria dato il numero di rimpasti. Vuoi per i mal di pancia dei socialisti, vuoi per le bordate assestate all’amministrazione dai partiti che compongono la sua stessa maggioranza, Sindaco e Giunta spesso e volentieri si trovano immobilizzati, attaccati e impossibilitati a svolgere una adeguata azione politica, indispensabile a traghettare la città fuori dalla spaventosa crisi che la sta investendo; attività commerciali che chiudono, industrie che abbandonano il territorio, dissesto idrogeologico, strade in rovina, sporcizia ovunque, tasse di soggiorno in cambio di non si sa bene quale servizio offerto a turisti e operatori del settore e per finire una inarrestabile escalation della criminalità.

A questo punto ci sembra assolutamente legittimo pensare che un ennesimo rimpasto non dia vere risposte alla cittadinanza ma piuttosto bisognerebbe cominciare a valutare l’opportunità di ricorrere ad un nuovo voto popolare che dia origine ad una nuova e più efficace amministrazione libera da tutti i contrasti interni che caratterizzano l’attuale. I cittadini ormai stufi di assistere al penoso teatrino dell’assegnazione di poltrone fra “garofani e falci” chiedono al Sindaco Lapenna di fare un atto di coscienza e, per il bene di questa città, ridare loro voce.

Il Movimento 5 Stelle Vasto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest