Palazzo D’Avalos: basta chiacchiere

Esattamente un anno fa il Movimento 5 Stelle Vasto denunciò lo stato di incuria e degrado in cui versava Palazzo D’Avalos. In tutto questo tempo nulla è cambiato, e questa non è una novità, visto anche lo stato comatoso che affligge da ormai troppo tempo l’attuale amministrazione. A tal proposito il Movimento 5 Stelle Vasto ha inoltrato in questi giorni un esposto alla Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici per l’Abruzzo, affinché intervenga per fermare una volta per tutte il perdurare di questo scempio.
Già nel 2012, su segnalazione dei condomini privati del Palazzo, la Soprintendenza alla presenza dell’Arch. D’Annunzio, Dirigente del Settore Cultura del Comune di Vasto, eseguì un sopralluogo del cortile interno di Palazzo D’Avalos, per verificare lo stato dell’area, disastrata dall’installazione qualche mese prima della pista di pattinaggio.

Nel verbale l’Arch. Natalizia della Soprintendenza sanciva:
“Necessità di un sollecito e puntuale ripristino dell’acciottolato nelle lacune rilevate sulla superficie pavimentale del cortile …ciò anche per scongiurare l’estensione delle superfici danneggiate.
Si ritiene opportuno interdire l’accesso e la sosta veicolare agli automezzi con esclusione di quelli di proprietà dei condomini autorizzati; va altresì limitato, mediante apposito transennamento provvisorio (in attesa di esecuzione di tutti i lavori prescritti NdR.), l’accesso all’area prossima al pozzo interessata dei fenomeni sopra descritti. “
Qualche mese più tardi (luglio 2012), l’Ing. Guastadisegni, su commissione del condominio D’Avalos prescriveva:
“Limitazione a tutto il cortile dell’accesso ai veicoli di massa superiore ai 3.500kg (mentre in questi anni molte volte si è preferito entrare con i camion direttamente a ridosso del palco, anziché parcheggiare fuori il palazzo facendo la spola tra i camion e il palco NdR.);
Divieto di transito a tutti i veicoli nell’area prospicente il pozzo(data la fragilità dell’acciottolato e la presenza della cisterna di epoca romana sotto l’area antistante al pozzo NdR.);
Nella suddetta area può essere consentito solo il montaggio di un palco di peso non superiore ai 100 kg/mq, con sovraccarico di 200 kg/mq (circa 2 persone per mq), palco non aperto al pubblico;
I piedi del palco dovranno essere montati su tavole in legno di spessore di almeno 4 cm.” Nonché  l’ispezione della Cisterna entro il successivo mese di luglio 2013 per verificarne l’integrità.
Alla luce di questi verbali ci è sembrato doveroso richiamare l’attenzione della Soprintendenza che sicuramente interverrà nei confronti dell’Amministrazione Comunale che sta infrangendo le disposizioni emesse e che già in precedenza è stata ammonita “più volte” di “conformarsi per il futuro alle prescrizioni” in mancanza del rispetto delle quali sarebbero stati “avviati i procedimenti sanzionatori Amministrativi e Penali (art. 160 e 169 D.Lgs.vo 42/2004 Codice Beni Culturali e del Paesaggio)”.
Palazzo D’Avalos è il simbolo per eccellenza della nostra città, della nostra storia e della nostra tradizione, pertanto da una parte dovrebbe godere della massima attenzione da parte dell’amministrazione comunale e dall’altra un organo Ministeriale come la Soprintendenza dovrebbe tutelarne l’aspetto, il decoro e lo stato di conservazione.

Invece si abusa della struttura medievale per spettacoli ed eventi che potrebbero tranquillamente tenersi in altre sedi più idonee, la città ne è ricca, senza stressare ulteriormente il Palazzo, già pregiudicato dal mancato completamento dei lavori di ristrutturazione e restauro rimasti ormai sospesi da oltre un ventennio!!!

Movimento 5 Stelle Vasto

Scarica l’esposto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest