Esposto-Denuncia M5S su condizioni acque balneabili di Vasto e mancata tutela della salute dei cittadini

Come anticipato e promesso ai cittadini vastesi, il Movimento 5 Stelle continua a tenere alta l’attenzione sui gravi fatti accaduti lo scorso agosto, allorquando la rottura di una condotta nella Marina di Vasto produsse lo sversamento in mare di liquami fognari non depurati, che comportarono il superamento dei limiti di legge oltre i quali le acque balneabili devono ritenersi vietate alla balneazione.

Lo fa attraverso un esposto depositato presso la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Vasto in data 21 settembre 2015, a firma dei portavoce a 5 stelle Daniela Aiuto, Gianluca Castaldi e Pietro Smargiassi.

L’Amministrazione comunale, appena ricevuti i dati dall’ARTA,  invece di apporre il divieto di balneazione, come previsto per legge, aspettò le analisi suppletive mettendo a rischio la salute dei bagnanti per diversi giorni.

Eppure i dati rilasciati dall’ARTA non lasciavano spazio a dubbi in merito a quella che fu una situazione drammatica, perché le diverse concentrazioni batteriche presenti nel tratto di rilevazione denominato “Nord molo Marina di Vasto” superavano di gran lunga i valori di salubrità per le acque di balneazione.

A fronte di quanto sopra, il M5S chiede risposte per i cittadini: quali sono state le misure tempestive ed urgenti che gli organi competenti, in primis l’amministrazione comunale, hanno messo in atto per difendere e tutelare la salute dei cittadini? Quali provvedimenti sono stati adottati per risolvere, una volta per tutte, il pericoloso scarico che insiste in quella zona?

Questi ed altri quesiti sono stati rivolti alla Procura, per far luce su una vicenda che rappresenta una ulteriore pagina nera per la nostra città; un ulteriore capitolo nel romanzo horror a firma dell’amministrazione Lapenna, che si arricchisce ciclicamente di nuove e purtroppo tristi pagine di mala amministrazione della nostra città.

 A riveder le stelle,

Movimento 5 Stelle Vasto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest