Giostre di San Michele: chi si assume le dovute responsabilità?

Dal sito del Comune apprendiamo che l’Amministrazione comunale non ha ancora ricevuto dai titolari degli spettacoli viaggianti le idonee certificazioni che possano permettere le relative aperture.
A l’uopo, al fine di renderci conto di come sia stata gestita la questione giostre anche negli anni passati e per la quale abbiamo effettuato una richiesta di accesso agli atti, vorremmo porre al Sindaco alcune domande che, vista la ristrettezza della tempistica a disposizione, ci portino a comprendere come venga affrontata, nel caso specifico, la questione relativa alla sicurezza dei cittadini.
Per quanto consti a noi del Movimento, negli anni passati è stata prodotta dai titolari delle strutture di divertimento – oltre alla normale documentazione che attesti la sicurezza in sè delle strutture di divertimento ed il loro corretto montaggio – anche una certificazione che attesti l’idoneità a permanere su quell’area. Qualora questa informazione corrispondesse al vero, anche per quest’anno sarà così?
Se sì, chiediamo al Sindaco: Le sembra una procedura corretta quella di far attestare, come in una sorta di autocertificazione, la capacità di quell’area, sotto la quale tutti siamo a conoscenza persistano dei depositi comunali, di rispondere in tutta sicurezza al peso ed alle sollecitazioni che un gruppo di strutture come quelle montate sono in grado di provocare?
Ci chiediamo, in sintesi, e chiediamo a Lei: un’area progettata e costruita per finalità altre, rispetto a quelle per cui si intende utilizzarla in questi giorni, è in grado di rispondere ai necessari parametri di sicurezza che tengano conto sia del peso delle strutture sovrapposte sia delle sollecitazione che le stesse, in funzionamento, esercitano sul solaio?
Possiamo ben immaginare che la capacità di resistenza relativamente a pullman in transito o in sosta sia ben diversa dalla insistenza di strutture metalliche di peso ben maggiore, che in sé comportino l’aggravante delle enormi sollecitazioni esercitate sulla copertura del Terminal quando vengano messe in funzione.
Tutti conosciamo i vizi d’origine emersi già nella fase di progettazione e realizzazione della struttura comunale e ben sappiamo come gli stessi vizi abbiano poi costretto l’Amministrazione a convertirne la destinazione da rimessa di bus in depositi di materiali. Tutto questo non depone ovviamente nel senso di un’acclarata consapevolezza relativamente all’opera in questione, sia nel senso costruttivo sia relativamente alle sue capacità di resistenza.  
Dal momento che le giostre, come riportato del comunicato stampa del Comune, in queste ore pare stiano sanando la questione relativa al completamento delle certificazioni e probabilmente entreranno in funzione nelle prossime ore, in mancanza di idonee certificazioni da parte dei tecnici comunali (che a nostro modo di vedere possono essere gli unici ufficiali certificatori di quanto sopra richiesto), il Sindaco di Vasto saprà prendersi la responsabilità di rassicurare le famiglie riguardo a qualsiasi pericolo possa derivare da ogni questione relativa agli aspetti che abbiamo posto?
Attendiamo fiduciosi.

Ludovica Cieri
Capogruppo M5S Vasto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest