European day, festeggiamenti Vastesi per il 60° Anniversario dei Trattati di Roma

#DinaNirvanaCarinciSindaco

European day, festeggiamenti Vastesi per il 60° Anniversario dei Trattati di Roma

25 Marzo 2017 M5S Vasto 0

A Vasto, il giorno 25 di Marzo, assisteremo ad un’iniziativa celebrativa della ricorrenza per valorizzare la memoria, la storia e i valori comuni dell’Unione Europea.
Il nostro Sindaco Francesco Menna, fiero dichiara: “L’Europa guarda al passato con orgoglio ed al futuro con speranza. Ed orgogliosamente noi vogliamo ricordare come da 60 anni l’Italia lavori nella costruzione di un’Unione in grado di promuovere la cooperazione pacifica, il rispetto della dignità umana, la libertà, la democrazia, l’uguaglianza e la solidarietà tra le nazioni e i popoli europei.”
Festeggiamo spensierati, dunque, e godiamoci Ludwig Van Beethoven che riecheggierà per le piazze. Ma esattamente, per cosa dovremmo gioire?
Leggiamo alcune cifre, tanto per farci passare il sorriso…
I dati della Commissione europea di Febbraio 2017, indicano l’italia come fanalino di coda in Europa. La stima di crescita per l’anno in corso è dello 0,9%, più basso di tutta l’area dell’euro. Nessuna novità rispetto al triennio passato. Nel periodo 2014-16 il prodotto lordo è aumentato dello 0,6% annuo, contro una media dell’1,6% per l’area dell’euro. Solo la Grecia ha fatto peggio.
“…la libertà, la democrazia, l’uguaglianza e la solidarietà tra le nazioni e i popoli europei …” giusto! Come non considerare questi alti valori, attraverso i quali l’Europa ci chiede di spalancare le braccia a tanta povera gente in fuga dalle guerre create ad hoc dai nostri “amici” del Patto Atlantico. E, accogliendoli, diciamo loro: “Scusate per le armi e le mine made in Italy usate contro di voi. Dovete comprendere che un patto è un patto”.
La Convenzione di Dublino solca un mare pieno di cadaveri che certo non pesano sulle coscienze dei Capi di Governo, come non pesa sulle anime dannate di chi, a caccia di infedeli, in nome di un Dio molto quotato in borsa, ora si scaglia contro il cuore dell’Unione e colpisce città come Londra che forse, anche per questo, non vuole proprio avere a che fare con l’Unione.
Ma noi siamo italiani e sappiamo come tramutare un problema in opportunità, quindi, grazie al nostro estro e al genio creativo delle mafie, con il permesso dell’alta Corte e i soldi della mamma Europa, abbiamo creato il business del rifugiato che unito al sapiente modello di caporalato, oggi rappresenta anche un market place per i nostri giovani laureati, purchè provvisti di tessera del partito.
Inno alla gioia, nuovamente interrotto da qualche politicante lamentoso. Attingiamo dalle sacre scritture del Corriere della Sera, che nel Febbraio 2017, scrive così: “Fin quando il pensiero prevalente, soprattutto della classe politica italiana, continua ad attribuire la colpa di tutti i mali del Paese all’Europa, siamo destinati a rimanere il fanalino di coda. Più isolati, e più poveri.”
Dai, diciamocelo, quando l’attore è scarso, porta in scena le proprie sfighe e allora tutti a prendersela con l’Europa. Ma come, con tutti i soldi messi a disposizione! Basta farsi avanti e usarli per investire in infrastrutture, tecnologia e ricerca così magari poco a poco, tra un voucher e un altro, usciamo da questa crisi di madre tedesca e padre americano!

Sono in nostri Amministratori in grado di intercettarli? Semplicemente NO!

Fondi Ue, via alla programmazione 2014-2020 …e l’Abruzzo?!? Sono circa 370 milioni di euro i fondi europei fermi nei cassetti della Giunta Regionale e dei Dipartimenti. Fondi che dovrebbero arrivare sul territorio e che invece sono fortemente in ritardo per manifesta incapacità di chi governa.
La regione Abruzzo è ferma al palo. La Commissione ha dato il via libera ai programmi operativi, rispettivamente 13 agosto 2015 per il FESR e addirittura il 17 Dicembre 2014 il FSE. Una regione veloce e attenta avrebbe dovuto iniziare la pubblicazione dei bandi il giorno dopo. E invece siamo qui, a distanza di due-tre anni, ancora ai blocchi di partenza.
Imprese, associazioni, cooperative che operano nel sociale e destinatari delle misure di politiche attive per il lavoro, attendono le azioni di un governo regionale immobile.
Il nostro territorio già provato dalle difficoltà dovute dal sisma e dall’emergenza neve, ha urgente bisogno di efficienza e velocità da parte della Regione Abruzzo.
Ti aspetto a Vasto….
L’allora candidato Sindaco, oggi Primo Cittadino, Francesco Menna, nel maggio 2016 a pochi giorni dal voto, dichiarava: “Ci giochiamo la grande partita dei fondi comunitari, Vasto dovrà essere capace di acquisire risorse attraverso un ufficio pubblico da costruire in Comune, per la città e per il comprensorio: solo pensando nell’ottica di area vasta potremo diventare una città europea. Come primo atto politico lanceremo l’assessorato alle Politiche comunitarie”.
Se guardiamo indetro alla giunta Lapenna poi, troviamo il vuoto piu totale in materia. E dire che l’ex Sindaco, quest’opportunità l’ha avuta e ancora l’avrebbe, in qualità di Presidente ANCI Abruzzo, potrebbe magari candidare la nostra città, presso l’Osservatorio Nazionale Smart City.
Una iniziativa ANCI in partnership con FORUM PA, che dal 2013 rappresenta un hub per dare e, sopratutto, ricevere supporto, sia in termini di idee ed esperienze da replicare, sia per la creazione di una rete di soggetti in grado di promuovere innovazione nei territori. Se non avete idee, ora sapete dove cercarle.
Quindi, caro Sindaco Menna, la squadra di giovani hai tentato di farla, sempre che duri il tempo di un bando, ma qualche vecchia gloria di esperienza, dovevi pur tenertela per giocare la partita sul campo europeo. Ma senza una strategia di gioco e duro lavoro, altro che Europa, qui si rischia di retrocedere o peggio di scomparire.
Quindi, siamo sempre dell’idea di festeggiare e gioire?
Che “Inno alla gioia” sia, allora, con lo sguardo al futuro…semmai ce ne sarà uno per noi, sempre piu poveri italiani.

Movimento 5 Stelle Vasto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *