A Vasto mancano i cestini per i rifiuti

Riceviamo dai cittadini segnalazione di rifiuti sparsi ai bordi delle strade, in particolare via Conti Ricci e via Alborato.

Difficile dire se siano più incivili i cittadini che si disfano dei rifiuti o più inefficiente il Comune di Vasto che lascia molte strade prive dei cestini di raccolta.

Nella sua ultima conferenza stampa di autodenuncia il Sindaco ha ribadito che Vasto è una delle città più pulite…ma di cosa? Della provincia di Chieti? Della regione Abruzzo? O magari dell’Italia intera?

A questi confronti di natura indefinita noi preferiamo il confronto dei numeri: Vasto spende per lo spazzamento circa 1.400.000 euro/anno mentre la somma dei costi di spazzamento di Lanciano, Ortona, San Salvo e Atessa, messe tutte insieme, è pari a 1.156.000 euro/anno, come si desume dai relativi piani finanziari del 2018.

Evidentemente a Vasto si spazza molto e male. I rifiuti abbandonati presentano, ben visibili, le tracce del tempo, mentre i cittadini ci segnalano che in molte zone del centro storico le pavimentazioni risultano danneggiate dall’uso eccessivo e/o improprio delle spazzole dei mezzi di pulizia.

I lavori di spazzamento manuale, pulizia dei tombini e pulizia spiagge, sono stati subappaltati alla ditta FD Servizi srl, per un importo di 500.000 euro/anno e con il beneplacito del Comune che dovrebbe però verificarne l’operato. Tutti i tombini di via Alborato, tanto per dirne una, sono completamente tappati.

E’ per questi costi e per questi risultati che il Sindaco dovrebbe autodenunciarsi, ma non in Procura o presso la Corte dei conti, bensì davanti ai cittadini di Vasto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest