PON Edilizia scolastica

Già da qualche giorno risuona negli ambienti scolastici una buona notizia: l’Autorità di gestione del Programma Operativo Nazionale “Per la scuola – Competenze e am-bienti per l’apprendimento” 2014- 2020, con nota 13194 del 24 giugno 2020, ha ema-nato un Avviso pubblico – Bando PON Scuola per il finanziamento di interventi urgenti di adeguamento e adattamento degli edifici scolastici per il contenimento del rischio sanitario da Covid-19. A disposizione degli enti locali ci sono 330 milioni di euro, previsti dal dl Rilancio. Il bando, cofinanziato dal PON Scuola 2014-2020, intende realizzare interventi di adat-tamento e di adeguamento degli spazi e degli ambienti scolastici e delle aule didatti-che degli edifici pubblici adibiti ad uso scolastico di molte regioni italiane, tra le quali l’Abruzzo, per adottare misure funzionali al contenimento del rischio da Covid-19. Condizione imprescindibile è l’accreditamento del Comune al servizio “PON ISTRU-ZIONE – Edilizia Enti locali”. Il MIUR, inoltre, ha messo a punto un ‘CRUSCOTTO’ che non è altro un sistema infor-matico che incrocia i dati relativi a aule, laboratori, palestre disponibili con il dato delle studentesse e degli studenti e la distanza da tenere. Questo strumento consentirà di individuare, comune per comune, scuola per scuola, le priorità di intervento e gli alunni a cui sarà necessario trovare nuovi spazi in collaborazione con gli Enti locali. E’ auspicabile che il Comune di Vasto, quale proprietaria di diversi edifici scolastici della città, presenti la sua candidatura tanto più che ciascun ente locale ammesso a finanziamento sarà assegnata una quota di risorse prestabilita e parametrata, per fa-sce, alla popolazione scolastica del proprio territorio e detta assegnazione può variare dai 3mila euro a 3 milioni di euro. E’ inoltre importante che il Comune si faccia parte diligente comunicando tempesti-vamente, attraverso il CRUSCOTTO, tutti i dati necessari alla pianificazione degli spazi a disposizione, tenendo presente che si potranno usare anche spazi esterni per una didattica che possa svolgersi anche nei musei, negli archivi storici, nei teatri, nei par-chi. Gli Enti locali avranno un ruolo fondamentale nella ripresa delle lezioni e se l’Ammi-nistrazione Menna farà la sua parte, ai nostri ragazzi potrà essere garantito l’avvio del nuovo anno scolastico in piena sicurezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest