Fusione Civeta-Ecolan: Perché no? Ma perché si?

Il M5S ha sempre criticato il disinteresse della politica e dei sindaci nei confronti del Civeta, sollecitando azioni concrete di rilancio di una realtà da troppo tempo abbandonata ad una gestione commissariale, di sinistra e di destra, senza distinzioni, che ha regalato ai cittadini vicende giudiziarie, puzza, incendi e aumenti tariffari ingiustificati. Paradossale in proposito il fatto che alcuni Comuni, sebbene consorziati nel Civeta, abbiano affidato il servizio ad Ecolan.

Non sarà quindi il M5S a rifiutare l’ipotesi di fusione in base a posizioni ideologiche e/o campanilistiche.

Prima di esprimerci, però, vogliamo vedere i numeri, e per numeri intendiamo un’analisi economico-finanziaria ed un piano industriale degni di questo nome.

Ci auguriamo, quindi, che dal carrozzone Agir non venga fuori l’ennesima imposizione della politica nei confronti dei cittadini, costretti a subire scelte basate sugli interessi di qualche gruppo politico-affaristico piuttosto che su una seria e rigorosa analisi di convenienza per l’interesse pubblico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest