Bilancio Pulchra 2019: 332.127 euro di utile netto.

L’Assessore Barisano ci ha invitati a mettere da parte la Pulchra del “passato” guardando invece alla “nuova Pulchra”, quella sorta dalle ceneri delle quote partecipate dal Comune.

Nel riaffermare che il M5S continuerà ad occuparsi del passato Pulchra, soprattutto per quanto riguarda irregolarità amministrative che sono costate ai cittadini almeno un milione di euro, abbiamo aderito con piacere alla seconda parte dell’invito ed abbiamo preso visione del Bilancio consuntivo 2019 della “nuova Pulchra”.

In particolare abbiamo confrontato i dati del bilancio consuntivo con quelli della perizia che ha determinato il valore reddituale dell’azienda in occasione della vendita delle quote comunali.

Il M5S denunciò a più riprese le incongruenze contenute in quella perizia: in particolare, la sottostima dei ricavi e sovrastima dei costi che hanno comportato minori utili attesi e, quindi, minore valore delle quote pubbliche, con conseguente danno erariale.

La perizia prevedeva per il 2019 un valore della produzione di 4.597.263 euro mentre il dato consuntivo è risultato pari a 5.137.334 euro. Perché questa differenza? Semplice! La perizia non ha tenuto conto di ricavi certi derivanti dai servizi complementari (ritiro ingombranti, inerti ecc.) e dai contributi Conai, altrettanto certi, e ceduti dal Comune alla Pulchra a norma di Capitolato. Non si trattava quindi di saper prevedere ma più semplicemente di inserire nella stima ricavi certi.

Il M5S aveva anche segnalato l’anomalia dell’accantonamento al fondo rischi previsto dalla stima: 270.000 euro. Ed infatti il bilancio consuntivo della Pulchra vede accantonamenti per soli 11.500 euro.

Il risultato di tutto ciò è che mentre la stima della perizia prevedeva per il 2019 un utile netto pari a soli 156.668 euro, il consuntivo 2019 evidenzia un utile netto sensibilmente più elevato, 332.127 euro.

In conclusione, una perizia palesemente erronea ha sminuito il valore delle quote pubbliche di Pulchra e quest’Amministrazione non ha battuto ciglio.

Sarà così anche per Aqualand?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest