I servizi sociali di Vasto sono in grave sofferenza

#DinaNirvanaCarinciSindaco

I servizi sociali di Vasto sono in grave sofferenza

6 Dicembre 2020 Comunicati Stampa M5S Vasto 0

I servizi sociali del Comune di Vasto sono, ormai da molto tempo, in grave sofferenza e la situazione è divenuta insostenibile. Il problema riguarda l’intero impianto del settore che risente dell’assenza di una figura di riferimento con specifiche competenze, una figura in grado di sostituire la Dr.ssa Caterina Barbato (collocata in pensione due anni fa), ed avente le sue stesse capacità professionali ed esperienza.
Ricordiamo che anteriormente all’esternalizzazione del servizio reso dagli assistenti sociali, l’ufficio riusciva a gestire egregiamente tutte le problematiche legate a quello specifico settore. Oggi, purtroppo, si evidenziano tutte quelle criticità derivanti dalla estrema frammentazione dell’organico (molte assistenti sociali, ma con contratto part time), a fronte di un aumento esponenziale dei casi di cui i servizi stessi sono investiti.
Si pensi ad esempio al servizio socio educativo familiare composto da due assistenti sociali con contratto part time – 24 ore settimanali – e da una psicologa lo stesso part time). Come può pensare il Comune di soddisfare i bisogni complessi di una città di 45mila abitanti con delle professioniste che non hanno neanche un contratto a tempo pieno?
Vale la pena evidenziare che il servizio socio-educativo familiare, che è il braccio operativo del Tribunale dei Minori dell’Aquila, deve rispondere a problematiche delicate e complesse, come quelle relative all’allontanamento dei minori nel caso in cui la loro permanenza all’interno del nucleo familiare d’origine sia pregiudizievole, oltre ad integrarsi, nell’ottica di un proficuo lavoro di rete, con altri servizi territoriali specialistici (vedi SER.D e CSM).
Altra criticità è la mancanza di una figura specialistica di riferimento, con funzioni di coordinamento e raccordo, che non può essere sopperita dall’attuale funzionario responsabile del settore, assegnato part time al Comune di Vasto in virtù di una convenzione con il Comune di Casalbordino, avente competenze specificatamente amministrative e che assicura solo tre accessi settimanali.
Cosicché, mentre nel palazzo di città si accumulano ritardi nella gestione delle pratiche sollecitate dagli operatori del Servizio Sociale, come ad esempio quelle relative all’inserimento dei minori in casa famiglia o strutture protette, e si ritardano  le liquidazioni dei contributi dovuti alle famiglie affidatarie o alle strutture che ospitano anziani, nella sede dei servizi sociali di Via Nicola Bosco, gli operatori impegnati fanno i conti con i numerosi casi da gestire, senza risposte sollecite dal Comune, continuamente esposti, per la delicatezza dei casi trattati, a aggressioni e minacce da parte degli utenti.
Se a tutto ciò aggiungiamo che nella struttura di Via Bosco non vengono fatti i dovuti interventi di manutenzione, almeno per risolvere il problema delle infiltrazioni di acqua piovana, si comprende come il settore, nella sua complessità, è assolutamente trascurato e abbandonato a se stesso.
Questo è ciò che si vede, ed è ciò che non ci si aspetta da un’amministrazione che sul sito istituzionale ha avuto l’ambizione di elencare i numerosi servizi sociali che “sarebbero” offerti ai cittadini. Per migliorare la vita della comunità sociale occorrono strumenti, persone competenti e anche una buona dose di passione: senza le basi, scordatevi le altezze.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *