I contenziosi milionari del Comune di Vasto

La Deliberazione 238/2020/VSGF della Corte dei conti, emessa a ottobre 2020, vergognosamente non pubblicata nella sezione “Amministrazione trasparente” e resa nota al Consiglio comunale soltanto 5 mesi dopo la protocollazione, ha messo in luce, tra le altre tante problematiche, l’esistenza di un contenzioso con EnelSole, per fatture non pagate, il cui importo ammonta complessivamente a 866.686 euro.

I nostri consiglieri comunali, Dina Carinci e Marco Gallo, ancor prima di venire a conoscenza della sopracitata deliberazione della Corte dei conti, avevano presentato a febbraio un’interrogazione per conoscere se esistesse un contenzioso con EnelSole, di quale entità fosse e quali ne fossero le motivazioni. Chiedevano ancora i nostri consiglieri quali fossero eventuali altri contenziosi e quali i fornitori e gli importi coinvolti.

Abbiamo scoperto un vero vaso di Pandora!

Il Sindaco Menna, in risposta alla nostra interrogazione ci ha fornito un lungo elenco di contenziosi con le società EnelSole, Hera Comm, Enel Energia, All foods per un importo complessivo di circa 2 milioni di euro + interessi di mora. Tutte le aziende hanno ceduto i crediti in varia misura a Banca Sistema, Credem Factor, Farma Factoring, Valsabbina Investimenti, aziende che, a loro volta, hanno citato o citeranno in giudizio il nostro Comune.

La prima udienza relativa alla citazione di 539.000 euro + interessi di mora da parte di Banca Farmafactoring è fissata all’8 giugno 2021, come informa l’Avvocatura Comunale, che è in attesa “delle opportune verifiche da parte degli Uffici Finanziari, per consentire di approntare la difesa in giudizio”.

Quest’ultima affermazione dell’Avvocatura ci lascia molto perplessi sulla nascita e sulla gestione dei contenziosi.

Chi decide di bloccare il pagamento delle fatture in Comune? Prima di bloccare una fattura non si espone il caso all’Avvocatura per un parere sulla fondatezza delle motivazioni dell’eventuale mancato pagamento? L’Avvocatura viene a conoscenza dei contenziosi solo quando arrivano le citazioni in giudizio?

Da tutto ciò emerge chiaramente un quadro di pessima gestione dei contenziosi che rafforza le criticità già espresse nel merito dalla Corte dei conti.

Consigliamo in ogni caso al Sindaco Menna di segnare sulla sua agenda la causa di 539.000 euro la cui prima udienza è prevista per l’8 giugno prossimo. Si assicuri con il dovuto anticipo che l’Avvocatura sia pronta e poi si informi sull’esito dell’udienza. Non vorremmo che si ripetesse l’indecorosa vicenda del contenzioso con Pulchra dove, a fronte di una cifra di un milione e mezzo di euro, l’Avvocatura ha dimenticato di costituirsi in giudizio mentre lui, il Sindaco, ha dimenticato la data dell’udienza tenutasi a giugno 2017 e ha dimenticato di informarsi della relativa sentenza per mesi, apprendendone l’esito negativo solo a settembre 2017, per giunta attraverso la stampa e non dall’Avvocatura che, evidentemente, almeno secondo la versione ufficiale, non aveva trasmesso al Sindaco l’esito della sentenza.

Nonostante i nostri consigli, fino a oggi sempre puntualmente inascoltati da quest’Amministrazione di centrosinistra, siamo certi che l’unica soluzione per evitare il ripetersi di certe scandalose vicende derivanti da una gestione palesemente inadeguata della cosa pubblica sia quella di mandare questo Sindaco a casa. Tra qualche mese i cittadini ne avranno la possibilità.

—————————————-

Potete scaricare la Deliberazione della Corte dei conti cliccando qui.

Da notare che il documento è datato 15 ottobre 2020 mentre il Comune di Vasto lo pubblicava solo il 02 aprile 2021 con quasi 6 mesi di ritardo e, guarda caso, tre giorni dopo un Consiglio comunale in cui non è stato chiarito questo punto oscuro da parte dell’Amministrazione. Alla faccia della trasparenza! Ma anche su questo “dettaglio” torneremo presto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest